Geotour dello Stretto di Messina

DATA DELL'EVENTO
Ven, 19/10/2018 Ore 8.30
LUOGO DELL'EVENTO
Partenza dalla sede centrale dell'Università, Piazza Pugliatti 1, Messina
ISCRIZIONE
Obbligatoria entro il 12/10/2019 , gratuita

Il Geotour dell'area dello Stretto di Messina è organizzato dal corpo docente del Corso di Laurea in Analisi e Gestione dei Rischi Naturali ed Antropici (Università di Messina) e si snoda lungo la città di Messina. Nel corso del Tour verranno illustrate le caratteristiche geologiche e le fonti di rischio naturale ed antropico presenti nell'area.
Il percorso sarà svolto in parte a piedi ed in parte in pullman messo a disposizione dagli organizzatori.
La memoria del devastante terremoto del 28 dicembre 1908 è ancora viva nella città peloritana, che dopo quella data ha faticosamente ricostruito non solo gli edifici ma anche il tessuto sociale. Attraverso la memoria custodita negli edifici della città è possibile ricostruire la storia geologica del substrato su cui si fonda la città. L’area oggetto del tour, essendo attraversata da un complesso sistema di faglie, risulta essere ad elevata pericolosità sismica.
Si procede poi nelle aree suburbane. Dalle colline messinesi si apprezzano l'attuale morfologia dello Stretto e le sue caratteristiche geopaleontologiche. Le aree collinari che circondano l’abitato presentano una morfologia condizionata dalle peculiarità tettoniche e dalla diversa costituzione geologica. I terreni terziari e quaternari sono ricchi di resti paleontologici di grande significato anche per quanto concerne l’evoluzione paleoambientale di questa porzione della catena mediterranea.
A Capo Peloro si possono illustrare l'importanza naturalistica e la peculiarità geologica dei laghi costieri di Ganzirri e Faro.

PROGRAMMA

Ritrovo dei partecipanti a Piazza Pugliatti, 1 (sede centrale dell'Università) alle ore 8.30. Partenza per tour a piedi.
Stop 1 - Chiesa della Santissima Annunziata dei Catalani
La Chiesa della Santissima Annunziata dei Catalani rappresenta un luogo simbolo da cui parte i tour. Edificata in epoca bizantina, probabilmente sui resti di un antico tempio, ha attraversato secoli di storia fino ad assistere al terremoto del 1908, a cui ha resistito. La ricostruzione della città dopo il sisma è ripartita da una quota più alta, sulle macerie spianate e compattate, mentre la Chiesa ha conservato la sua posizione, attualmente sotto il piano di strada. Gli effetti del sisma sulla città rappresentano l'occasione per introdurre il concetto di rischio sismico, in relazione al complesso sistema di faglie esistente nell'area, caratterizzata da una intensa attività sismica.
Stop 2 - Duomo
Si procede verso il Duomo, edificato nel 530 d. C. sulle vestigia di un antico tempio romano. Durante la visita, saranno illustrati i materiali lapidei utilizzati nel corso dei secoli e nell'imponente rifacimento dopo il sisma del 1908.
Stop 3 – Belvedere di Cristo Re
Il tour procede in pullman verso la parte alta della città. Dalla piazza di Cristo Re sarà possibile avere una visione dello Stretto che consentirà di illustrarne Geologia e Natura. Le coperture sedimentarie ed i fossili in essi preservati restituiscono antichi fondali marini sollevati per tettonica. I fossili contribuiscono a determinarne l'età e l'originaria profondità sotto il livello del mare, oltre a dare la possibilità di valutare dislocazioni per faglia.
A sud, anche se non visibile, di trova il Monte Etna. Il rischio vulcanico del vulcano più grande d'Europa è essenzialmente legato ai danni che le ceneri vulcaniche possono produrre su manufatti antropici e all’invasione di colate laviche nelle aree fortemente urbanizzate distribuite sui suoi versanti. In entrambi i casi il rischio per la perdita di vite umane è praticamente nullo.
Stop 4 – Laghi di Ganzirri e Faro
Si procede poi in pullman dal centro della città verso i laghetti di Ganzirri e Faro. Una sosta lungo la costa sarà l'occasione per illustrare i processi di erosione costiera, mentre guardando verso monte, si potranno illustrare i rischi di dissesto e frane. Il tour si conclude al lago di Ganzirri, che verrà descritto da un punto di vista geologico e idrologico, con riferimenti alla rilevanza naturalistica.
I partecipanti saranno riaccompagnati al punto di partenza, in prossimità del Duomo di Messina.
La durata stimata è di circa 4 ore. Il Geotour è indirizzato principalmente a scuole e famiglie.


CARATTERISTICHE DELL'ESCURSIONE
Livello di difficoltà: basso
Distanza: 3 km
Dislivello: 30 m

ABBIGLIAMENTO O EQUIPAGGIAMENTO CONSIGLIATO
sportivo

ISCRIZIONE E ASSICURAZIONE
Iscrizione obbligatoria entro il 12/10/2019
Quota iscrizione:
- gratuita
Modalità di iscrizione:

inviare e-mail ad amarra@unime.it, specificando nell'oggetto "Settimana del Pianeta Terra"

Numero massimo partecipanti: 48
Assicurazione consigliata, a carico del partecipante

ORGANIZZATORI E SPONSOR

Organizzatori: docenti del CdL in Analisi e Gestione dei Rischi Naturali ed Antropici - Università di Messina.
Fondi PLS -Piano Lauree Scientifiche




Visualizza la mappa del geoevento Come arrivare