Escursione Timpa delle Murge e Timpa di Pietrasasso (Parco Nazionale del Pollino)

DATA DELL'EVENTO
Dom, 23/10/2016 Ore 8.00
LUOGO DELL'EVENTO
Rifugio Acquafredda, Località Acquafredda, San Costantino Albanese (PZ)
ISCRIZIONE
Obbligatoria entro il 15/10/2016 , a pagamento

Questa escursione, propone un viaggio nella parte iniziale della storia geologica del Parco del Pollino quando esso era ancora un oceano in formazione. Infatti Timpa di Pietrasasso e Timpa delle Murge sono due splendidi esempi di affioramenti ofiolitici, cioè pezzi di crosta oceanica portate in cima alle montagne dagli eventi tettonici che hanno provocato la formazione della catena appenninica. Si tratta di un'escursione di media difficoltà che si svolge per lo più lungo mulattiere. Lungo il percorso esistono solo due punti di rifornimento d'acqua: uno a meta escursione, Sorgente Catusa, e l'altro a Casa del Conte. E' quindi necessario munirsi di borraccia.

PROGRAMMA

Dalla località Acquafredda si raggiunge la località Pietrasasso al km 1+915 e la sorgente Catusa alla fine del sentiero. Fino al km 0+880 il fondo è asfaltato ed è largo 4 m. Da questo punto in poi la strada è sterrata tranne che per brevi tratti. Al km 0+942 vi è l’innesto per Belvedere di S.Costantino posto a 800 m dal sentiero principale. Al km 1+915 vi è l’incrocio con la strada Pietrasasso – Tavernola -Terranova e Pietrasasso - Vernile. Da qui si scorge Timpa di Pietrasasso, sperone di roccia di origine lavica, che si eleva a punta come monolite su una vegetazione punteggiata da secolari Agrifogli. Al km 3+630, sulla sinistra, si trova la fontana del Salinaro immersa in un faggeto. Un’ altra fonte si trova al km 4+150 sulla sinistra a circa 20 m dal sentiero. Al km 4+310 si trova l’incrocio per Casa del Conte e Sorgente Catusa.

Sulla sinistra si può ammirare Timpa delle Murge: le rocce assumono forme e colori irreali. Si tratta di effusioni basaltiche sottomarine che formano pareti a Cuscino di Lava (Pillowlave), sormontate da una copertura costituita da rocce di colore rosso, blù e verdi derivanti da organismi a guscio siliceo (radiolari). La deposizione dei fanghi silicei sui fondali oceanici a migliaia di mt risale al Giurassico. E’ una zona arida. Si osservano verso i margini Roverelle (Quercus Pubescens) e Faggi (Fagus Selvatica) e macchie di Agrifoglio (Ilex Aquifolium). Vi sono piante grasse: Euforbia e il Semprevivo. Alla fine del sentiero si arriva alla Sorgente Catusa. La fonte sgorga in mezzo alle rocce ed è circondata da altissimi faggi secolari.


CARATTERISTICHE DELL'ESCURSIONE
Livello di difficoltà: basso
Distanza: 5 km
Dislivello: 300 m

ABBIGLIAMENTO O EQUIPAGGIAMENTO CONSIGLIATO
abiti informali

ISCRIZIONE E ASSICURAZIONE
Iscrizione obbligatoria entro il 15/10/2016
Quota iscrizione:
- adulti (10.00 euro)
Modalità di iscrizione:

inviare una mail a: ceapollinobasilicata@alice.it

Numero massimo partecipanti: 30
Assicurazione consigliata, a carico del partecipante

ORGANIZZATORI E SPONSOR

CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE POLLINO BASILICATA ONLUS




Visualizza la mappa del geoevento Come arrivare