Dai fondali oceanici alla complessità ignota del mantello terrestre

DATA DELL'EVENTO
Mer, 19/10/2016 Ore 15.30
LUOGO DELL'EVENTO
Università degli Studi di Pavia, Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente, Aula EF2 del Dipartimento di Ingegneria, Via Ferrata 1, Pavia
ISCRIZIONE
Obbligatoria entro il 14/10/2016 , gratuita

Gli oceani occupano più del 70% della superficie terrestre e sono una fonte inesauribile di informazioni dei processi esogeni ed endogeni che avvengono sul nostro pianeta. Le dorsali medio-oceaniche, localizzate nella parte centrale degli oceani, costituiscono la più lunga catena montuosa del pianeta (circa 60,000 km di lunghezza), nascosta da migliaia di metri di acqua. La teoria della tettonica delle placche prevede che le dorsali rappresentino le zone in cui due diverse placche divergono l’una dall’altra dando luogo alla deriva dei continenti (continental drift) e alla formazione di nuovi oceani, regolando la dinamica della crosta terrestre. Queste catene montuose sottomarine sono sede di intensa attività vulcanica, sismica e idrotermale, i.e. la risalita verso la superficie di fluidi caldi e ricchi di minerali pesanti attraverso fratture presenti nella crosta terrestre. Queste fratture ospitano anche una straordinaria attività biologica che gli scienziati credono possa giocare un ruolo fondamentale nel chimismo dell’acqua marina e nella comprensione dell’origine della vita sulla Terra. Il substrato oceanico che si genera nelle dorsali è formato dalla crosta, materiale freddo e rigido, simile a quello su cui viviamo sulla terra ferma e dal mantello, materiale più denso e plastico.
Tutto ciò che conosciamo del mantello deriva dall’esplorazione geofisica o da brandelli di rocce che vengono portati in superfice dai movimenti delle placche o dalle lave. Mai, in precedenza, è stato possibile raggiungere il limite crosta-mantello tramite perforazione. Questo limite può essere attraversato in corrispondenza dei bacini oceanici dove la crosta terrestre è più sottile. Il raggiungimento dell’inaccessibile e complesso mantello terrestre è il primo obiettivo di recenti spedizioni oceanografiche internazionali finalizzate ad attraversare le porzioni crostali profonde.
Inoltre, i bacini oceanici accolgono ogni anno tonnellate di sedimenti di origine biotica ed abiotica che rappresentano la testimonianza di ciò che accade negli oceani e sui continenti ad essi adiacenti. La componente biotica è costituita da resti scheletrici di organismi e fornisce informazioni circa le diverse masse d’acqua in gioco in termini di temperatura, salinità, grado di ossigenazione, disponibilità di nutrienti e molto altro. La componente abiotica, invece, fornisce una misura di ciò che accade sulla terraferma in termini di umidità-aridità, intensità e direzione dei venti, intensità dei processi di trasporto del sedimento verso e all’interno degli oceani.
L’Italia gioca un ruolo fondamentale nei progetti internazionali di esplorazione oceanica, con scienziati provenienti da università ed enti di ricerca attivamente impegnati ad indagare l’ignoto degli abissi per migliorare la conoscenza del struttura profonda del nostro pianeta.
Il geo-evento rappresenta un’occasione per approfondire le conoscenze sui fondali oceanici e sulla formazione della crosta terrestre sommersa. Vari esperti in materia presenteranno i risultati di recenti missioni oceanografiche e le prospettive future riguardanti l’esplorazione e la comprensione della crosta terrestre oceanica.
In occasione del geo-evento sarà attivo un Servizio Filatelico Temporaneo dotato di un bollo speciale creato appositamente per l’evento: il personale di Poste italiane S.p.A., sezione di Pavia, sarà presente durante il geo-evento per l’annullo filatelico che potrà essere richiesto su cartoline singole o serie di cartoline aventi come tema alcune immagini di rocce in sezione sottile osservate al microscopio.

PROGRAMMA

ORE 15.30 - 16.00 - SALUTI E PRESENTAZIONE
- Prof. Andrea Di Giulio - Direttore del Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente, UniPV
- Prof. Silvio Seno – Responsabile nazionale della “Settimana del Pianeta Terra”, DSTA, UniPV-SUPSI
Introduce: Dott. Patrizio Torrese – Referente Piano Lauree Scientifiche-L34–UniPV, DSTA, UniPV

ORE 16.00 - 16.30 – ALLA SCOPERTA DEGLI ABISSI E DELLA CROSTA OCEANICA
- Prof. Daniele Brunelli, DSCG, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

ORE 16.30 - 17.00 – SEDIMENTI MARINI: SPECCHIO DI UN MONDO CHE CAMBIA
- Dott.ssa Claudia Lupi, DSTA, UniPV

ORE 17.00 - 17.30 – RAGGIUNGENDO IL MANTELLO TERRESTRE: IN VIAGGIO VIRTUALE CON LA
MISSIONE OCEANOGRAFICA IODP 360 NELL’OCEANO INDIANO
- Dott Alessio Sanfilippo, DSTA, UniPV

ORE 17.30 - 18.00 – LA LITOSFERA OCEANICA FOSSILE ESPOSTA LUNGO LA CATENA ALPINO-
APPENNINICA
- Prof. Riccardo Tribuzio, DSTA, UniPV

18.00 - 18.30 - DISCUSSIONE E CONCLUSIONI

18.30 - 19.30 – APERITIVO (presso “La Bouvette dell’Ingegnere” situata nello stesso stabile che ospita il Dipartimento di Ingegneria)

In occasione del geo-evento, sarà attivo dalle ore 14.30 alle ore 19.30 un Servizio Filatelico Temporaneo dotato di un bollo speciale creato appositamente per l’evento: il personale di Poste italiane S.p.A., sezione di Pavia, sarà presente durante il geo-evento per l’annullo filatelico che potrà essere richiesto su cartoline singole o serie di cartoline aventi come tema alcune immagini di rocce in sezione sottile osservate al microscopio.


ABBIGLIAMENTO O EQUIPAGGIAMENTO CONSIGLIATO
abiti formali
abiti informali
sportivo

ISCRIZIONE E ASSICURAZIONE
Iscrizione obbligatoria entro il 14/10/2016
Quota iscrizione:
- gratuita
Modalità di iscrizione:

La partecipazione è gratuita ed è aperta a tutti previa registrazione entro il 12 ottobre 2016 all’indirizzo
geologia-pls@dsta.unipv.it. Le registrazioni saranno chiuse una volta raggiunta la massima capienza dell’aula.

Numero massimo partecipanti: 210
Assicurazione non necessaria

ORGANIZZATORI E SPONSOR

Comitato organizzatore: Michela Comensoli, Maria Pia Riccardi, Alessio Sanfilippo, Silvio Seno, Patrizio Torrese
Geoevento finanziato da:
- Università degli Studi di Pavia, Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente
- MIUR, Piano Nazionale Lauree Scientifiche 2014-2016 (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4), Progetto Nazionale Geologia, PLS-L34 – UniPV

Geoevento organizzato in collaborazione con: Planetario e Osservatorio Astronomico G. Giacomotti, Loc. Ca' del Monte, 27050 Cecima (PV)




Visualizza la mappa del geoevento Come arrivare